In ricordo della scrittrice Luisa Moraschinelli

1
1490

Lo scorso 20 dicembre, la scrittrice Luisa Moraschinelli è venuta a mancare. Originaria dell’Aprica, ha trascorso gli ultimi anni della pensione presso la Casa Anziani di Poschiavo. Grazie al suo legame con la valle, Il Bernina ha avuto il piacere di pubblicare alcuni suoi scritti.

Nata nel 1930 in una realtà povera e contadina, coltivò fin dalla tenera età la passione per la cultura. In età scolastica lavorò come bambinaia, praticando anche altri mestieri. Nel 1953 emigrò a Berna, dove vi rimase fino al 1976. Qui lavorò in un ristorante, ma, nel tempo libero, ebbe l’opportunità di collaborare con Missione Cattolica e di ottenere il diploma di maturità in tecnica turistica.

Nel 1960 venne chiamata a dirigere un convitto di ragazze-operaie. In seguito alla crisi del 1976, che impose la chiusura della fabbrica, Luisa si trasferì a Lugano per lavorare in un piccolo ufficio d’importazione. Fu in questi anni che coltivò l’interesse per la scrittura, collaborando con alcune testate valtellinesi (Il Corriere della Valtellina e L’eco delle valli). Dal 1993, quando a 63 anni raggiunse la pensione, e fino al 2004, pubblicò di sua iniziativa nove libri di testimonianza che raccontano la vita locale di un tempo.

La nipote Lucia Moraschinelli, su Facebook, la ricorda così: “[…] vorrei ricordarti con il tuo sorriso, la tua forza e stravaganza. Una Donna sempre contro tendenza che ha voluto esprimere i propri ideali e la proprio storia nei suoi libri (figli come li definiva lei… ). Hai vissuto sempre osservando e non giudicando. La prima donna in Valtellina sugli sci e a guidare la macchina…
Oggi ci hai lasciato combattendo silenziosa, per non disturbare, come hai sempre fatto. Orgogliosa di aver lasciato le tue preziose testimonianze nei tuoi scritti e questo ti permetterà di vivere in eterno ancora su questa terra. Ricorderò sempre le tue parole tanto preziose nei momenti difficili della Vita. Ciao zia!”


Marco Travaglia

Avatar photo
Caporedattore e membro della Direzione

1 COMMENTO

  1. Grazie Marco Travaglia e bello il ricordo della nipote. Ogni tanto scambiavo qualche parola con Luisa Moraschinelli quando andavo a trovare la mia mamma in casa anziani, pranzava sempre da sola su un tavolo vicino a noi. Era felice quando si accennava ai suoi libri e si parlava delle sue attività in seno all’associazione di scrittori e scrittrici P.E.N. , di cui ha partecipato in vari congressi all’estero come a Seul, Madera, Barcellona e Dubrovnik (quest’ultimo organizzato e presieduto da Grytzko Mascioni nel 1993). E’ una storia interessante la sua, anche il fatto che abbia scelto di stabilirsi a Poschiavo, malgrado fosse molto legata all’Aprica.