Riprendono le attività in casa VPC

0
309

In linea con le direttive della Confederazione, la Valposchiavo Calcio ha ripreso le attività agonistiche, in attesa di ulteriori sviluppi. In un periodo difficile come quello che stiamo vivendo è necessario offrire a bambini, giovani e adulti una fonte di svago, un pretesto per uscire all’aria aperta, staccare dalla vita sedentaria e sfogarsi praticando una sana attività sportiva.

Per quanto riguarda il settore giovanile, la Confederazione ha deciso di riprendere regolarmente i campionati ed i tornei verso la fine di aprile. I nostri talenti in erba quindi hanno appreso con molta gioia questa notizia e da alcune settimane bambini e ragazzi si allenano intensamente, seguendo le norme di sicurezza, ma potendo comunque giocare tra di loro, a differenza degli adulti. Una ripresa che è sicuramente un toccasana per bambini e ragazzi, ma non da ultimo anche per i genitori a casa, che finalmente possono ritagliarsi dei momenti di calma e tempo libero, mentre i propri figli esprimono tutta la loro vitalità sul rettangolo di gioco. In linea di massima, l’idea è quella di prepararsi al meglio ed arrivare in forma per la fine del mese, dove a scanso di nuove decisioni del Consiglio Federale, riprenderanno le competizioni ufficiali.

Diversa la situazione per gli attivi invece, dove gli allenamenti sono si ripresi a pieno regime, ma sono comunque limitati dalle diverse misure di prevenzione. In primo luogo infatti non è possibile avere contatto fisico tra i vari giocatori e quindi a differenza di ragazzi e bambini, non si possono effettuare partitelle o giochi di gruppo, ma solamente allenare individualmente il fisico e la tecnica. In secondo luogo il numero di partecipanti è limitato ad un massimo di 15 persone per sessione. In base a queste normative quindi la VPC si allena più volte in settimana, suddividendosi tra prima e seco da squadra, in modo da non superare i 15 partecipanti per allenamento. Anche in questo ambito però l’entusiasmo è grande e i gialloneri si allenano con passione ed intensità, assaporando, seppur in piccole dosi e con le dovute restrizioni, il piacere di praticare quello che per antonomasia viene definito lo sport più bello del mondo.

Per quanto concerne i campionati ufficiali, sarà necessario attendere ulteriori decisioni da parte della Confederazione, ma al momento il concetto prevede di terminare il girone d’andata, andando quindi a recuperare le partite che non sono state disputate durante l’autunno 2020. Nel caso della prima squadra le partite da recuperare sarebbero cinque, mentre per la seconda squadra solamente una. Ricordiamo che la prima squadra si trovava a metà classifica, mentre la seconda squadra era in testa al campionato e quindi in piena lotta per la promozione. A differenza di quanto accaduto la primavera scorsa, l’intenzione della Confederazione è quella di non annullare i risultati delle partite già giocate, ma di portare a termine almeno il girone d’andata, convalidando le rispettive promozioni o retrocessioni. Tempo permettendo rimane aperta anche l’ipotesi di effettuare dei playoff e dei playout, dividendo la classifica in parte alta e bassa, con le varie squadre che a seconda del piazzamento all’andata, si sfidano a vicenda per giocarsi promozione o retrocessione. In attesa di ulteriori sviluppi il Consiglio Federale, al momento, intende comunque concludere i campionati semiprofessionistici entro il 4 luglio 2021.

Non da ultimo, con grande piacere possiamo confermare che i lavori di ristrutturazione del campo dei Cortini procedono, gli spogliatoi nuovi sono stati ultimati, i vecchi stabili sono stati demoliti e appena smaltito il materiale si potrà procedere con la stesura del manto sintetico. L’obbiettivo è di ultimare l’opera entro la stagione autunnale, in modo da permettere agli sportivi di allenarsi e usufruire del campo, anche in condizioni climatiche avverse. Oltre 60 anni di storia, lasciano spazio ad un’infrastruttura moderna, necessaria per poter proseguire con le attività sportive durante tutto l’anno. Da sempre infatti nel primo periodo primaverile ed in quello tardo autunnale entrambi i campi in erba sono inagibili o versano in condizioni disastrate, a causa della pioggia, del freddo o della neve. Per questo motivo i gialloneri hanno sempre dovuto allenarsi rispettivamente sul campo di sabbia o spostarsi sui sintetici oltre confine, soluzioni non sempre ottimali. Grazie al nuovo campo invece sarà possibile finalmente allenarsi in valle tutto l’anno, preservando il campo in erba ai Casai e permettendo allenamenti regolari e di livello.

In attesa di nuovi sviluppi e nella speranza di poterci lasciare presto questa pandemia alle spalle, la VPC saluta tutti gli appassionati e si augura a breve di poter accogliervi numerosi presso gli impianti sportivi.


Moreno Cortesi