Ottima semestrale per la BCG

0
80
Foto Mattias Nutt

La Banca Cantonale Grigione (BCG) ha beneficiato nel primo semestre del buon andamento dei mercati finanziari: il risultato d’esercizio si è attestato a 127 milioni di franchi, mentre l’utile consolidato ha raggiunto 112 milioni. Su base annua le progressioni sono rispettivamente del 31% e del 18%.
I ricavi hanno raggiunto 233 milioni (+17%), emerge dai dati pubblicati oggi. Particolarmente dinamico si è mostrato il risultato delle operazioni in commissione e da servizi (+41% a 85 milioni). L’afflusso netto di nuovi fondi si è attestato a 1,3 miliardi franchi, contro 1,1 miliardi del corrispondente periodo del 2020.
“Nei tempi difficili del Covid-19 abbiamo dimostrato una notevole resilienza”, afferma il Ceo Daniel Fust, citato in un comunicato.
“La solidità strutturale della banca ci rende meno vulnerabili alle crisi”. Visto il buon andamento degli affari l’istituto ritocca al rialzo le stime per l’intero 2021: è ora previsto un utile di 200 milioni, a fronte dei 181 milioni del 2020.

Fondata nel 1870, la BCG è un istituto presente con una cinquantinadi succursali nel vasto e ramificato territorio plurilingue dei Grigioni, con un organico complessivo di quasi 800 posti di lavoro a tempo pieno. Dal 1985 il buono di partecipazione BCG è quotato alla borsa svizzera.