Swiss Epic a Poschiavo, Howald: “Importante vetrina”

0
1113

Oggi, mercoledì 18 agosto, la Valposchiavo ha ospitato la seconda tappa della Swiss Epic 2021, la gara per mountain bike che in 5 giorni (dal 17 al 21 agosto) percorre 350 chilometri e supera 12’000 metri di dislivello. Gli atleti, in data odierna, hanno percorso 72 chilometri, da St. Moritz (1822 metri) fino alla Valposchiavo (Le Prese, 965 metri). Una tappa piena di discese, con la parte da leone dei 3’150 metri di discesa dopo la salita al Passo del Bernina.

E’ la prima volta che la Regione Bernina organizza un evento di questa portata. Una sfida importante, come ha ribadito il direttore di Valposchiavo Turismo Kaspar Howald: “Siamo stati contatati l’anno scorso dagli organizzatori – racconta – con la richiesta di fare una tappa della Swiss Epic anche in Valposchiavo. Abbiamo accettato la sfida, sapendo che per una piccola destinazione come la nostra si tratta di un impegno importante”.

Tutto questo è stato possibile grazie all’impiego di più di 50 volontari. “Le persone – continua Howald – hanno risposto positivamente alla chiamata, non abbiamo fatto fatica a trovarle. La Swiss Epic rappresenta un’importante vetrina per la Valpochiavo: 600 partecipanti che hanno visto i nostri trail. E’ stato molto importante – conclude il direttore di Valposchiavo Turismo – essere presenti accanto a destinazioni come St. Mortiz e Davos, per fare vedere che anche noi possiamo organizzare questo tipo di eventi”.


Bruno Raselli, Marco Travaglia e Serena Bonetti