Discorso per il Digiuno federale 2021

0
110

IL GOVERNO ALLA POPOLAZIONE DEL CANTONE DEI GRIGIONI

Stimate concittadine e stimati concittadini, Care grigionesi e cari grigionesi, Cari ospiti del Cantone dei Grigioni,

i quasi due anni trascorsi all’insegna della pandemia di COVID-19 hanno toccato tutti, in tutti i Paesi e in tutte le regioni del mondo. Preoccupazione e rabbia, solitudine e incomprensione, incertezza e impazienza, aspettative e tri-stezza, questioni esistenziali e carichi lavorativi eccessivi. Questo e altro ancora è ciò che ha caratterizzato questa epoca recente.

Chi all’inizio della pandemia di COVID -19 pensava e sperava che non sa-rebbe stata così sconvolgente o che perlomeno sarebbe sparita presto, ha ­dovuto ricredersi. Abbiamo superato una prova che ci ha sollecitati oltremisura, ma a ben guardare non è ancora finita. Nessuno di noi sa quali saranno gli effetti a lungo termine sulla salute pubblica e quali conseguenze e tracce lascerà su di noi come società e sul nostro mondo del lavoro e quindi anche sulla nostra esi-stenza sociale ed economica nel futuro prossimo e remoto. Le sfide spariranno solo in parte, altre rimarranno o ne nasceranno di nuove. In questo periodo ci viene reso evidente che non tutto è prevedibile e controllabile, nemmeno nella modernità in cui viviamo.

Non siamo abituati a queste evidenze e a questi giudizi dominati da incer-tezze e da una certa impotenza. Di norma il nostro agire personale, al pari di quello in seno alla collettività e a maggior ragione di quello dello Stato, è un agire avveduto, accuratamente pianificato. Desideriamo procedere in modo ponderato e coordinato, miriamo alla prevedibilità, alla fiducia, alla certezza del diritto e, in fin dei conti, alla sicurezza. All’interno dello Stato ciò garanti-

sce un processo democratico ordinato, a noi conosciuto, con compiti, compe-tenze e responsabilità disciplinati. Non da ultimo con un controllo supremo esercitato da un tribunale oppure con una decisione del Popolo.

Improvvisamente molte cose, anzi quasi tutto, sono apparse diverse. Si sono posti compiti fondamentalmente nuovi, a livello individuale ad esempio quando i bambini non vanno più a scuola oppure quando occorre garantire il telelavoro, ma anche a livello dello Stato con la pandemia e gli aiuti economici. Si sono sviluppate competenze fondamentalmente nuove, ad esempio a livello individuale quando si è dovuto privare i bambini della libertà di fare visita ai nonni, ma anche a livello dello Stato, poiché in virtù del diritto di necessità i processi democratici sono disciplinati in modo diverso a causa dell’urgenza e dell’importanza. Si sviluppano responsabilità fondamentalmente nuove, ad esempio a livello individuale quando occorre attenersi in modo autorespon-sabile a nuove regole come le prescrizioni concernenti la distanza oppure la raccomandazione di lavarsi frequentemente le mani, ma anche a livello dello Stato, quando esso si vede costretto a intervenire in modo incisivo nella libertà personale ed economica delle cittadine e dei cittadini.

Espresso in modo meno analitico: tutto ciò ci ha messo a dura prova, in particolare per quanto riguarda la fiducia tra la popolazione e le istituzioni del nostro Cantone, il Gran Consiglio, il Governo e l’Amministrazione. Ciò che viene o è stato fatto e ciò che non viene o non è stato fatto è davvero corret-to? Gli errori di valutazione e le incertezze lasciate in sospeso – in particolare dallo Stato, dal Governo, dall’Amministrazione – sono davvero giustificabili? Quanto deve essere ampio il margine di tolleranza di una cultura che si trova a gestire una crisi?

Senza una buona base di fiducia fondamentale non è possibile dare forma a una comunità. Questo riguarda ciascuno di noi, che può dare il suo contri-buto, e riguarda a maggior ragione i responsabili decisionali di uno Stato, della società e delle sue varie manifestazioni nelle famiglie e nelle associazioni o in un’impresa.

I provvedimenti adottati e quelli ancora da adottare possono tuttavia rag-giungere il loro obiettivo soltanto se sono sostenuti da tutti. A livello dello Stato devono essere sostenuti anche da tutta la popolazione, all’interno della famiglia anche dai familiari, a scuola anche dagli allievi e dai loro genitori, all’interno dell’impresa anche dagli impiegati. Ecco che ritorna in gioco la fiducia. Non viene richiesta una fiducia cieca, bensì un accompagnamento cri-

tico con l’obiettivo di creare la base per una fiducia fondamentale generalizzata. Una fiducia nel fatto che l’agire dei responsabili decisionali a livello dello Stato, della società e dell’economia è finalizzato a cercare e intraprendere una via per-corribile. Una fiducia nel fatto che talvolta è necessario cambiare le abitudini che ci sono divenute così care. Una fiducia nel fatto che le voci del Popolo a livello dello Stato, dei familiari nella famiglia e degli impiegati nell’impresa vengono sentite e prese sul serio.

Sovente, in periodi impegnativi come questo procedere a tentoni è l’op-zione più saggia, ma anche l’unica realmente sensata. Questo funziona solo con un senso ben sviluppato e saldo per la comunità e per tutti coloro che ne fanno parte.

La Festa federale di preghiera ci offre l’occasione di riflettere su questa fidu-cia e con ciò di percepire in modo consapevole la base della nostra convivenza e di essere grati per essa.


Coira, settembre 2021

In nome del Governo

Il Presidente: Dr. Mario Cavigelli

Il Cancelliere: Daniel Spadin