“Come stai?” a Poschiavo: approfondimento

0
302

GIORNATA MONDIALE PER LA SALUTE MENTALEEVENTI PER LA VALPOSCHIAVO

Promotori:

Con il sostegno di:

In occasione della giornata mondiale per la salute mentale, l’Associazione MOVIMENTO (INCONTRO Poschiavo) e il Centro Sanitario Valposchiavo (CSVP), organizzano, presso le palestre comunali di Poschiavo, i seguenti eventi:

VENERDÌ 8 OTTOBRE 2021 presso le palestre comunali a Poschiavo

20.30 Proiezione pubblica del film “Tully” 4
A cura del gruppo di Auto-Aiuto “mamme sottosopra” (www.mammesottosopra.ch)
Ospite speciale della serata Markus Zwicky dell’Associazione Equilibrium (www.depressionen.ch)
In collaborazione con “I Film di Devon House”

Al di là del percepito
Il nostro gruppo di mutuo auto aiuto si chiama Mamme Sottosopra. È infatti proprio così che ci si può ritrovare dopo la nascita di un bambino. Così può farti sentire la depressione. Sottosopra nel senso di prive di orientamento, punti fermi e direzione. Ma anche sottosopra inteso come fuori posto. Sotto quando dovresti essere sopra e sopra quando dovresti essere sotto. In ogni caso inadeguate, difettose, sbagliate. Uno degli obiettivi del nostro gruppo è comunicare che invece non è così. Trovarsi in difficoltà e sentirsi persi succede, anche quando si è genitori.
Tully racconta la storia di una mamma e di una famiglia dove dopo la nascita di un bebè, le cose non vanno come “dovrebbero” andare. Ritrae un vissuto di apparente normalità dietro cui si nasconde una sofferenza che rimane a lungo impercepita anche da chi la sta provando. Un film che con grande leggerezza e una vena comica, tocca temi importanti legati non solo alla depressione post-parto, ma alla genitorialità in generale e alla sfida che essa comporta. Non solo nel rapporto con i propri figli e figlie, ma anche e soprattutto in quello con sé stessi.

A cura del Gruppo di Auto-Aiuto in caso di burn-out genitoriale, depressione in gravidanza o post parto

SABATO 9 OTTOBRE 2021 presso le scuole comunali a Poschiavo

16.30 Inaugurazione di due “panchine della salute” a Poschiavo
A cura di Chiara Balsarini con l’INCONTRO Poschiavo e il Comune di Poschiavo

Il prossimo 10 ottobre decorrerà la Giornata mondiale per la salute mentale. Non è così frequente sentire parlare di salute mentale, più spesso le tematiche toccano il disagio e le malattie. Eppure lo dicevano già i romani: mens sana in corpore sano!Ciò nonostante siamo tutti esperti e informati su come mantenere al meglio la forma fisica, con sana alimentazione, giusto movimento, prevenzione di fattori di rischio, ma su come conservare al meglio la salute mentale siamo più spiazzati.La giornata mondiale su questo tema vuole proprio rendere visibile quello che da sempre non riusciamo a toccare: la nostra mente. Una mente spesso troppo occupata a risolvere problemi materiali, ad affrontare sempre nuove urgenze e incapace di rallentare e di parlare al nostro corpo. Ecco allora, tra le diverse proposte di riflessione nelle giornate dell’8 e 9 ottobre (promosse e organizzate dall’associazione Movimento/Incontro Poschiavo e dal Centro Sanitario Valposchiavo), un’iniziativa cantonale singolare e affascinante per la sua semplicità: la posa di due panchine gialle. Sui listelli dello schienale una scritta: Come stai? A disposizione di chi si siede persino un piccolo scrigno con materiale informativo sulla tematica e un abc delle emozioni! Un invito a tutti a sedersi, a rallentare, a prendersi il tempo. Spesso quando troviamo una panchina già occupata tiriamo dritto, ma quella scritta, invece, pare proprio invitare a sedersi vicino a chi già ha preso posto, anche se ci è sconosciuto, e magari a chiedere davvero “Come stai”? Quella domanda scritta su un listello giallo racchiude la promessa di una conversazione. Bisognerebbe riscoprirle le panchine: punti fermi davanti ai quali la vita degli altri scorre, ma anche punti fermi capaci di raccogliere le storie degli altri e farne tesoro. La panchina ci insegna la lentezza e lo sa Dio se ne abbiamo bisogno di questi tempi. È in questa lentezza, in questo guardare il mondo degli altri scorrere che magari impariamo anche a guardare un po’ in noi stessi. Sedersi su una panchina, ovunque sia, significa darsi il tempo di perdere tempo, a gratis oltretutto, poiché il posto in panchina non si compera e non è in vendita, è una piccola vacanza a portata di mano. Anche nello star seduti senza far niente, guardando le nuvole passare in cielo, o due merli rincorrersi, o le macchine sfrecciare, qualcosa in noi succede. In questo tempo sospeso la nostra mente fa un lavoro invisibile di contemplazione. Ho letto che “contemplazione” precisamente significa “fondare il proprio Tempio”. Non è forse bello immaginare di fondare il proprio tempio intanto che i pensieri si liberano e viaggiano senza peso? Lo diceva anche Leopardi nel suo Infinito : … e il naufragar mi è dolce in questo mare. Quanto benessere regaliamo alla nostra mente con una pausa in panchina? In questo passeggiare da fermi, in questo divagare della fantasia io davvero vedo un raggio di felicità mentale.

Provare per credere: alla prima panchina, anche se non sarà gialla, sedetevi e provate a perdere un po’ di tempo. Scoprirete di averne solo guadagnato.

Serena Bonetti
a sostegno dell’iniziativa “come stai?”


Collaborazioni: disegno “come stai?” creato per l’occasione da Donatella Piatta

Ulteriori sostenitori: Comune di Poschiavo, Il Grigione Italiano, Il Bernina, Mepha, Scuole comunali di Poschiavo, Tisane Raselli, Banca Raiffeisen, Repower

Per informazioni: Loredana Scamozzi, CSVP, tel. 081 839 11 11 oppure loredana.scamozzi@csvp.ch
Josy Battaglia, INCONTRO Poschiavo, tel. 081 844 04 74 oppure josy.battaglia@movimento.ch