Omicron causa una carenza di personale nella ristorazione

0
350
Immagine pixabay

Nella ristorazione grigionese si segnala una carenza di personale provocata dall’ondata della variante Omicron. A causa di numerosi dipendenti malati alcune strutture hanno dovuto chiudere o ridurre l’attività. Il presidente di GastroGrigioni mantiene la calma.

“Nella ristorazione Omicron è presente ovunque”, ha dichiarato il presidente dell’associazione di categoria Franz Caluori quando gli è stato chiesto un parere sulle segnalazioni dei media al riguardo. Secondo Caluori, sono dodici i ristoranti grigionesi che hanno dovuto chiudere a causa del personale assente per malattia. Il problema si presenta in tutto il cantone, in modo più acuto in Engadina e a Davos.

“La mancanza di personale causata dal coronavirus è davvero un problema”, ha spiegato Caluori all’agenzia di stampa Keystone-ATS, ma ha aggiunto che la situazione non è tuttavia terribile. “Sta accadendo proprio nel momento più opportuno, quando la stagione natalizia è terminata e il numero di ospiti è diminuito. Dal punto di vista economico le chiusure attuali sono quindi sostenibili”.

Per quanto riguarda il resto della stagione invernale, il presidente di GastroGrigioni si dichiara ottimista: “Tra due settimane, in occasione delle prime vacanze sportive, dovremo affrontare la prossima sfida. Per allora, l’ondata Omicron dovrebbe placarsi e permetterci una buona ripartenza”.