I sentieri che conducono allo sviluppo territoriale e turistico

0
1

I sentieri che conducono allo sviluppo territoriale e turistico

Romeo Lardi é responsabile della rete dei sentieri per la Val Poschiavo e attivo in numerosi progetti legati a questo settore.

I nostri sentieri rappresentano infatti un’infrastruttura turistica di fondamentale importanza per lo sviluppo turistico della Valle. Fin verso il 1995 la rete dei sentieri era curata dall’Ente Turistico, per il comune di Poschiavo, e dalla Pro Brusio, per il comune di Brusio.

L’Ente Turistico Valposchiavo si è però ben presto reso conto dell’impossibilità di gestire adeguatamente la manutenzione e lo sviluppo dei sentieri tramite il modico finanziamento legato alla tassa di pernottamento.
Brusio ha risolto in pochi anni la messa in sesto della rete di sentieri, mentre Poschiavo ha impiegato alcuni anni in più, in quanto dispone di una rete molto maggiore, molto più vasta.

Romeo Lardi ci ricorda che il suo duplice ruolo di consigliere comunale e di responsabile dei sentieri ha facilitato non poco la realizzazione pratica di una buona rete sul suo comune. Rammenta inoltre che gran parte dei turisti sceglie la Valle per praticare delle attività escursionistiche sui nostri sentieri.

Nel piano quinquennale di Poschiavo non si riscontrano problemi per il finanziamento dei lavori di manutenzione e per la realizzazione di nuovi progetti in questo settore. Per ogni anno è preventivato un importo di 180’000 CHF per la manutenzione, e di 100’000 CHF per la costruzione di nuovi sentieri. Brusio deve invece accontentarsi di 15’000 franchi, ma la collaborazione con l’ufficio forestale del comune più piccolo è tuttavia molto proficua e positiva. ”Complessivamente si tratta certamente di un buon gruzzolo per il mantenimento dei circa 270 km di sentieri.”

Le totalità della rete dei sentieri è compresa nell’elenco ufficiale dell’https://www.wanderwege.gr.ch/italiano/index.htm. Si stanno comunque recuperando o costruendo nuovi tracciati di raccordo allo scopo di ottimizzare gli spostamenti per limitare il superamento di inutili dislivelli.

Redatto da Danilo Nussio – nussio@ecomunicare.ch