Repower premia l’innovazione

0
2

Repower premia l’innovazione

Il 3 settembre si terrà  a Zurigo la premiazione per il 20° Premio Solare Svizzero. Per la prima
volta sarà  conferito anche il ”Norman Foster Solar Award», un premio di 100.000 franchi per
costruzioni PlusEnergy. Con questo premio Repower si assume l’impegno di promuovere
l’innovazione nel settore degli edifici ad elevata intensità  energetica e di mostrare che le
centrali idroelettriche ad accumulo e le centrali ad accumulazione con sistema di pompaggio –
come il progetto ”Lago Bianco» – si integrano perfettamente con centrali solari ed eoliche e con
altre soluzioni promettenti per un futuro sostenibile nel settore della gestione degli edifici.

Repower individua la chiave per un approvvigionamento elettrico sostenibile e a lungo termine nel
networking intelligente di fonti di energia rinnovabile quali acqua, vento, sole e biomassa.
L’importanza dell’elettricità è destinata a crescere in futuro grazie alla facilità con cui può essere
trasformata in qualsiasi altra forma di energia e trasportata, oltre al fatto che praticamente
qualsiasi misura finalizzata ad obiettivi di efficienza energetica, come pompe di calore, sistemi
intelligenti per edifici, elettromobilità ecc. è collegata all’impiego di corrente elettrica.

In linea di
principio possiamo ragionevolmente pensare di poter disporre per un lungo periodo di sufficienti
fonti di energia rinnovabile. Ciò che manca sono strutture adeguate per sfruttare tali fonti
energetiche, per la cui creazione sono necessari spirito pionieristico, ingenti mezzi finanziari e
molto tempo. Occorre trovare inoltre il modo di immagazzinare l’energia elettrica prodotta con le
centrali eoliche e solari, poiché essa dipende dalle condizioni climatiche che non corrispondono
necessariamente al fabbisogno energetico della clientela. Un’ulteriore sfida è rappresentata dal
trasporto dell’energia elettrica fino ai centri di utenza, ad esempio dalle centrali eoliche off-shore
nel mare del Nord oppure dalle centrali eliotermiche in Nord-Africa o nell’Europa meridionale.

Redatto da Il Bernina – redazione@ilbernina.ch