Porre sempre al centro della discussione il bambino

0
11

Bisogna inserire alcuni correttivi
Risoluzione dell’Associazione delle autorità scolastiche dei Grigioni (Aasg) sulla revisione totale della legge scolastica.


In occasione dell’annuale assemblea ordinaria dei delegati, tenutasi all’Alta scuola pedagogica di Coira sabato scorso, 4 febbraio 2012, l’Associazione delle autorità scolastiche dei Grigioni (Aasg) ha votato all’unanimità una risoluzione sulla revisione totale della legge scolastica cantonale all’indirizzo del Gran Consiglio retico.

La risoluzione è la seguente:
L’assemblea dei delegati dell’Aasg chiede ai parlamentari di dare seguito agli interventi positivi espressi durante la discussione sull’entrata in materia della revisione totale della legge scolastica, attenendosi fedelmente alle proposte anche durante il dibattito di dettaglio. In particolare si chiede di porre sempre al centro della discussione il bambino, le sue pari opportunità in materia di apprendimento scolastico e il mantenimento della qualità dell’insegnamento, anche se ciò comporta delle spese.

Già nel 2009, nel corso della procedura di consultazione sulla revisione totale della legge scolastica, l’Aasg aveva espresso il proprio parere positivo. Allora come oggi si è comunque consapevoli che sono urgentemente necessari dei correttivi. L’Aasg è giunta a questa conclusione in seguito ai numerosi incontri che il suo comitato ha avuto con degli esperti e la necessità di apportare delle modifiche è già stata fatta presente a diversi parlamentari. Alcune richieste dell’Aasg sono state riprese anche dalla commissione parlamentare sulla formazione.

Con questa risoluzione l’assemblea dei delegati dell’Aasg vuole ricordare ai membri del Gran Consiglio i loro appassionati interventi in occasione del dibattito di entrata in materia e li prega di insistere per fare inserire nella legge alcuni correttivi. Si tratta ad esempio di ridurre il numero massimo di allievi per classe e di adeguare il numero di lezioni per il carico di lavoro di scolari e insegnanti. Inoltre, per quanto riguarda le offerte di pedagogia specializzata, si chiede di adeguare le indennità forfettarie per interventi nel settore “a bassa soglia” e di cancellare la partecipazione ai costi da parte dei comuni per interventi nel settore ad “alta soglia”.


Associazione delle autorità scolastiche dei Grigioni (Aasg)