Fondo Solidarietà Poschiavina: donati 10mila CHF

0
96

A beneficiarne la Casa Tomé
Il Fondo Solidarietà Poschiavina dona 10’000 franchi per il ripristino di un locale danneggiato da un fungo in Casa Tomé.

Il Fondo Solidarietà Poschiavina (FSP) sostiene la Fondazione Ente Museo Poschiavino (FEM) con un importo di 10’000 franchi per il ripristino del locale laboratorio in Casa Tomé. L’estate scorsa la FEM aveva dovuto rimuovere il pavimento e le pareti del locale, fortemente danneggiati dalla cosiddetta serpula lacrymans o fungo del legno.

Casa Tomé vista dall'esterno.


Dopo la brutta sorpresa dell’estate scorsa e proprio all’inizio della stagione museale, la FEM ha ora motivo di tirare un sospiro di sollievo grazie alla generosità del FSP, che ha deciso il sostegno in favore di Casa Tomé durante la sua ultima Assemblea generale, tenutasi il 25 maggio a Zurigo. Da queste colonne la FEM ringrazia di cuore per la sua generosità il Fondo Solidarietà Poschiavina, senza il cui sostegno il finanziamento dei lavori sarebbe risultato molto difficile.

L'ingresso di Casa Tomé.


Per ripristinare il locale dai gravissimi danni provocati dalla serpula lacrymans al pavimento e alle pareti del locale laboratorio in Casa Tomé, è intervenuta immediatamente una ditta specializzata per la disinfestazione. Dopo un sopralluogo con i rappresentanti dell’Ufficio monumenti e gli esperti di storia dell’arte locale Hans Rutishauser e Marc Antony Nay e una lunga fase di studio, si è deciso di ripristinare il locale con assi nuove, dello stesso tipo di quelle andate distrutte. I lavori eseguiti con la supervisione dell’arch. Urbano Beti – terminati poco prima dell’apertura stagionale e durante i quali sono state fatte anche scoperte interessanti – sono stati eseguiti con assi amovibili e poste in modo tale da evitare il contatto con le pareti e da permettere la circolazione dell’aria. I costi, che ammontano a diverse decine di migliaia di franchi, sono parzialmente sostenuti anche da Confederazione e Cantone dei Grigioni.

Il locale laboratorio prima della scoperta del fungo.


Ricordiamo che Casa Tomé, così come il Museo nel Palazzo de Bassus-Mengotti, che quest’anno ospita un’interessante mostra dedicata ai 500 anni dall’annessione della Valtellina da parte delle Tre Leghe, sono aperti al pubblico il martedì, giovedì e venerdì dalle 14 alle 17, il mercoledì dalle 11 alle 19 e, nei mesi di settembre e ottobre, anche la prima domenica del mese.


FEM