Salari bassi e frontalieri: Dobfar riceve il sindacato Unia

0
2

Unia-Dobfar: è il momento di un dialogo costruttivo
Dopo le numerose controverse sui salari troppo bassi dei frontalieri, la ditta di Campascio ACS Dobfar Info  ha comunicato a Unia di essere disposta a collaborare per implementare le strutture di partenariato sociale.


Dopo un 2014 di discussioni sui salari minimi dei frontalieri della Valtellina, ora a Campascio si punta sul dialogo. Lunedì, infatti, si è tenuto un incontro tra i vertici di ACS Dobfar Info Sa e il sindacato Unia.

“Il confronto – fa sapere il sindacato – si è tenuto in un clima di rispetto, con un’atmosfera costruttiva”. Il dialogo ha permesso alle controparti di esprimere i propri punti di vista e ha segnato l’inizio di un percorso di partenariato sociale. Il primo passo sarà la costituzione di una commissione d’azienda in modo da intensificare il rapporto con Unia.

“In un’assemblea dei dipendenti – ha spiegato il sindacato – si spiegherà l’importanza di avere una rappresentanza, attraverso la commissione d’azienda, all’interno della ditta. L’obiettivo della nostra organizzazione è, oltre ad avere un efficace partenariato sociale, la firma di un contratto collettivo in futuro. I salari – concludono – non sono stati tema di discussione, per il momento”.

ACS Dobfar Info SA produce sacche d’infusione per il mercato internazionale. È stata fondata con l’aiuto dell’omonima ditta multi-farmaceutica di Milano, è una società indipendente con il sito produttivo a Campascio. Nell’azienda, che attualmente è oggetto di un ampliamento, lavorano 150 dipendenti.