La Politica non va in vacanza

0
82

All’attenzione del Parlamento anche il rapporto 2015 dell’Ospedale San Sisto (di P. Pola)
Otto le trattande all’ordine del giorno nelle riunione di Giunta di lunedì 11 luglio 2016. Già detto in merito alla delibera del credito d’impegno relativo all’ampliamento della rimessa pompieri a Viale, il Parlamento ha pure preso atto del rapporto annuale 2015 dell’Ospedale San Sisto ed ha proceduto alla nomina di due commissioni previste ai punti 5 e 6 dell’ordine del giorno.

 

Seduta di Giunta estiva quella di lunedì 11 luglio 2016, con un ordine del giorno all’apparenza più leggero, non per questo, però, sinonimo di trattande meno importanti. E ciò lo si capisce anche dalla partecipazione emotiva fra i banchi parlamentari, che va in crescendo a dipendenza dell’argomento trattato, un po’ come l’avvicendarsi delle temperature in questo primo scorcio d’estate.

Pubblico presente solo nell’ordine di poche unità, ad ulteriore testimonianza della vacanze in corso. Già distintamente accennato in merito al credito d’impegno per l’ampliamento dei magazzini a Viale, l’ordine del giorno prevede, fra le altre cose, anche la nomina di due commissioni, alle trattande 5 e 6.

L’amministratore dell’Ospedale San Sisto, Guido Badilatti

 

Dopo le consuete delibere introduttive, si comincia subito con la presa di conoscenza del rapporto Ospedale San Sisto, per quanto riguarda l’anno 2015. A presentare la relazione è stato invitato lo stesso amministratore Guido Badilatti, il quale si concentra sulle tematiche più importanti che hanno caratterizzato l’anno in rassegna. Il quadro che ne esce è di un’attività molto intensa, affrontata con impegno e professionalità, in cui non sono mancati i problemi da affrontare.

Il neo costituito Centro Sanitario Valposchiavo, fortemente voluto dalla quasi totalità della popolazione, rappresenta in questo contesto un’importante sfida, volta ad autodeterminare nella nostra valle un’attività sanitaria completa e di qualità, preservandola da possibili tendenze allo smantellamento o alla razionalizzazione.

Tra le varie relazioni contenute nel rapporto annuale 2015, degno di nota risulta essere il rapporto medico redatto per l’ultima volta dal dott. Emanuele Bontognali, che lascerà il suo incarico nel corso di quest’anno. Come da egli stesso definito, “Rapporto medico e… amarcord“, il dott. Bontognali passa in rassegna l’ultimo quarto di secolo dell’Ospedale San Sisto, nell’ambito del quale egli evidenzia, in modo succinto, ma puntuale, le più importanti vicissitudini che hanno contraddistinto l’evoluzione del nosocomio fino alla recente costituzione del nuovo Centro Sanitario Valposchiavo.

Nel contesto risulta essere emblematico un suo passaggio in cui dice: “Il confronto degli opuscoli con i rapporti ospedalieri mostra ampiamente l’evoluzione. L’opuscoletto di poche pagine degli anni ’80 indica che si lavorava tanto e si scriveva poco o niente, le diagnosi erano approssimative, le degenze lunghe, si curava anche con la compassione, la pazienza e la rassegnazione di una volta!”.

L’Ospedale San Sisto di Poschiavo: una delle tre strutture valposchiavine attive in ambito sanitario.

 

Dopo aver preso atto, in senso positivo, del rapporto annuale 2015 dell’OSS, la Giunta passa alla trattanda relativa alla nomina della Commissione per l’esame degli statuti dell’Asssociazione Valposchiavo Turismo. Al riguardo, e prima di passare alla designazione della relativa commissione, il Capo dipartimento Orlando Lardi informa in merito all’enorme mole di lavoro nel frattempo svolta dall’auto costituito gruppo di lavoro, il cui compito è stato quello di dare un’impronta al settore e, cosa molto importante, trasformare le idee in concetti su carta.

I risultati sono già stati presentati ai Consigli comunali di Brusio e Poschiavo, attendendo ora l’avvallo definitivo da parte della Giunta e dell’Assemblea comunale di Brusio, che si terrà tra poco più di un mese. A questo proposito il Consigliere di Giunta Capelli deplora il fatto di dover sempre lavorare condizionati da un esiguo lasso temporale, trovandosi conseguentemente sotto pressione. Gli statuti abbisognano di un’analisi più approfondita e un solo mese non può certo bastare per delle valutazioni esaustive.

Al termine della discussione la Giunta decide per la nomina della Commissione, la quale si compone dei seguenti Consiglieri: Fulvio Betti (UDC), Carla Semadeni Visinoni (PLD), Carlo Crameri (PDC) e Giorgio Murbach (Poschiavo Viva). Su proposta di Fulvio Betti, oltre all’esame degli statuti, la Giunta decide di estendere il compito della Commissione anche alla valutazione dei mandati di prestazione.

Discussione piuttosto accesa a margine della trattanda 6, riguardante la designazione della Commissione per l’elaborazione del messaggio volto al conferimento dello smaltimento dei rifiuti alla Regione Bernina.

La decisione del Consiglio comunale di conferire la gestione dei rifiuti alla Regione Bernina, a mano della decisione popolare, si scontra con il parere di alcuni Consiglieri di Giunta, in special modo per quanto riguarda le tempistiche e alcuni altri aspetti, già decisi durante la seduta precedente, nel trattare la mozione PLD sulla gestione rifiuti. Nel contesto si disapprova nuovamente il fatto che la Commissione, dovendo terminare il proprio lavoro in coincidenza con l’Assemblea comunale di Brusio, sarà condizionata dal poco tempo a disposizione per valutare in modo esauriente ogni aspetto, anche perché la Commissione preposta,non dovrebbe discutere unicamente il messaggio, ma, a maggior ragione, anche i mandati di prestazione e poter avere accesso allo stato delle trattative con il Comune di Brusio.

Quest’ultimo aspetto viene accolto con favore dalla Giunta, che decide pertanto all’unanimità di nominare la commissione, la quale, oltre all’elaborazione del messaggio, si occuperà anche degli aspetti appena citati. La commissione sarà composta dai Consiglieri di Giunta Michel Castelli (PDC), Thomas Compagnoni (Poschiavo Viva), Gabriela Menghini (UDC) e Reto Capelli (PLD).

Alcuni interventi e comunicazioni sotto varia ed eventuali (già accennato sul BERNINA in merito alla Commissione edilizia) hanno concluso una seduta più corta del solito, ma non per questo meno intensa, che ha molto impegnato l’ottima Presidente Michela Cortesi-Bontognali. Ora pausa fino a fine agosto, ma non per tutti. Le commissioni appena designate si metteranno al lavoro da subito, come dire: la politica non va mai in vacanza!


Articolo correlato: