Gianni Paravicini festeggia 30 anni di attività editoriale: “Poschiavo rimane luogo di ispirazione”

0
475

Nel 2022, la Edizioni Galleria Periferia di Flurina e Gianni Paravicini-Tonz festeggiano 30 anni di attività. Tutto iniziò a Poschiavo nel 1986 con la Galleria Periferia, per poi continuare a Lucerna negli anni successivi; una storia di fatiche e di successi. Per celebrare questo anniversario abbiamo intervistato il poschiavino Gianni Paravicini.

Buongiorno Gianni, che sapore ha questo compleanno?
30 anni sono tanti, ma speriamo di non aver ancora raggiunto la fine della nostra attività editoriale. Abbiamo sempre avuto incontri meravigliosi con molti artisti importanti. Questo ci ha dato la forza per andare avanti così a lungo, perché l’attività editoriale è tutt’altro che facile e non è affatto redditizia. È una bella sensazione riunire tutte le 250 pubblicazioni in un’unica stanza e seguire da vicino lo sviluppo della casa editrice…

Parliamo degli inizi a Poschiavo, siamo nel 1986… come è nata l’idea?
Tutto è iniziato nel 1986 con la Galleria Periferia, che abbiamo gestito a Poschiavo fino al 2000. Dopo il trasferimento a Lucerna nel 1990, la casa editrice Edizioni Periferia si è unita a noi due anni dopo, nel 1992. Poschiavo è stato certamente il punto di partenza e poi un luogo importante per i primi 14 anni, ma dal 2001 in poi il nostro centro di vita a Lucerna è diventato sempre più importante. Poschiavo è diventato per noi un luogo di contemplazione.

Quali sono stati i primi lavori che avete fatto?
Con il primo libro del 1992, una pubblicazione con l’artista lucernese Anton Egloff, ci siamo buttati a capofitto. Non avevamo idea di cosa ci aspettasse. Il terzo libro del 1995 è stato un libro molto radicale con Roman Signer, l’esplosione di una scatola di legno. All’epoca Signer era conosciuto solo da pochi addetti ai lavori, ma oggi è una star mondiale della scena artistica internazionale. Poi, nel 2001, ci è stato concesso di pubblicare il libro della Biennale di Urs Lüthi per l’Ufficio federale della cultura, una pietra miliare nella nostra storia editoriale.
A poco a poco abbiamo migliorato e affinato il nostro know-how.

Nel 1990 il trasferimento a Lucerna: cosa è cambiato rispetto alla Valposchiavo?
Dopo il nostro trasferimento, abbiamo continuato a tenere mostre a Poschiavo fino al 2000 con importanti artisti svizzeri come Christoph Rütimann, Stefan Gritsch, Roman Signer, Markus Raetz e Urs Lüthi. Solo nel 2001 il nostro impegno culturale si è spostato completamente a Lucerna, dopo che ci è stato permesso di organizzare la mostra di Urs Lüthi alla Biennale di Venezia. In questo periodo, anche la casa editrice Edizioni Periferia è diventata sempre più importante nel nostro lavoro culturale.

Quali sono stati i momenti più belli della vostra carriera?
Ci sono stati innumerevoli momenti meravigliosi negli ultimi 30 anni; ogni libro e ogni nuova mostra sono una nascita gioiosa. Naturalmente, anche i vari premi culturali (Città e Cantone di Lucerna, Cantone dei Grigioni) ci hanno incoraggiato a continuare.

E quelli più difficili?
Per ogni progetto di libro è necessario garantire un finanziamento. Sono sempre momenti difficili, ma in realtà nella maggior parte dei casi abbiamo avuto successo. Abbiamo dovuto abbandonare solo alcuni progetti poco prima della loro realizzazione finale.

Quale è stato, invece, il lavoro più importante che avete affrontato?
I progetti di libri più importanti sono quelli interdisciplinari. Il progetto “Dieter Roth e la musica”, ad esempio, è stato uno dei grandi successi della nostra storia editoriale. Insieme al Kunstmuseum Zug, alla Musikhochschule Basel e al famoso museo Hamburger Bahnhof di Berlino, abbiamo prodotto sette libri e due dischi.

Tornerete a fare qualcosa di nuovo a Poschiavo?
Al momento non c’è alcun progetto concreto in vista per Poschiavo. Ma la nostra splendida casa di Via Puntunai ci serve come luogo di ispirazione e di creazione di nuove idee e concetti.

Caporedattore e membro della Direzione