Il PS Grigioni si rallegra per il chiaro Sì alla legge sull’energia

0
174

Il Sì di oggi è una vittoria per la protezione del clima e la sicurezza dell’approvvigionamento in Svizzera: La legge sull’energia consente un aumento sostanziale delle energie rinnovabili, un passo importante verso l’indipendenza dal petrolio, dal gas e dall’uranio. Il no all’iniziativa per premi meno onerosi invece è una grande delusione; l’onere dei premi continuerà a indebolire in modo massiccio il potere d’acquisto delle persone a reddito medio.

Sì a una maggiore protezione del clima
Il Sì di oggi consentirà una migliore protezione del clima a lungo termine: la legge sull’energia introduce l’obbligo di installare impianti solari sugli edifici di grandi dimensioni e sulle infrastrutture della Confederazione. Oltre l’80% degli impianti sarà installato su strutture esistenti. La legge stabilisce anche obiettivi specifici per la produzione di elettricità; ad esempio, la produzione da fonti rinnovabili deve aumentare significativamente entro il 2035 e l’efficienza energetica deve essere migliorata. Tuttavia, è necessario fare di più per una protezione sostenibile del clima. Per questo motivo il PS e i Verdi hanno lanciato l’iniziativa “Fondo per il clima”, che richiede massicci investimenti pubblici per la protezione del clima. Il PS considera il “sì” di oggi come un’ulteriore conferma da parte della popolazione della decisione di abbandonare gradualmente l’energia nucleare. La transizione energetica è ora necessaria per la protezione dell’ambiente e del clima. Il PS Grigioni si batterà a livello cantonale per un’efficace e rapida attuazione del Green Deal.

L’esplosione dei premi rimane la preoccupazione più grande della popolazione
Il No di oggi è una delusione. L’esplosione dei premi resterà la preoccupazione più grande della popolazione. Il potere d’acquisto delle persone a reddito medio sarà ulteriormente indebolito. Tuttavia, l’elevato numero di Sì dimostra che la popolazione è preoccupata, la maggioranza di centro-destra in Parlamento e nel Consiglio federale non deve ignorare questo segnale. Il PS continuerà a combattere l’esplosione dei premi, gli sprechi e l’affarismo nel sistema sanitario. Il PS porterà avanti il lancio di un’iniziativa a favore di una cassa malattia pubblica e sociale in Svizzera. La pseudo-competizione costosa e inefficiente tra le casse malati – una delle ragioni dell’esplosione dei premi – deve essere fermata ora.