Openair Cavaglia 2018: lavori in corso!

0
1045

Da venerdì 22 a domenica 24 giugno 2018, Cavaglia tornerà ad ospitare il giovane Openair. Gli organizzatori dopo il successo della prima edizione, vogliono provare a migliorarsi. Gli accenti verranno posti sul rispetto dell’ambiente, l’italianità e il dialetto, la cultura e la rappresentanza della regione Valposchiavo.

Quest’ultima verrà raffigurata attraverso un’offerta gastronomica locale, mentre il dialetto e l’italianità saranno promossi soprattutto tramite il canto, ma anche nelle segnalazioni e comunicazioni all’interno del festival. Una scelta che va a scapito di una lingua universale come l’inglese, o (in Svizzera) il tedesco, ma che, nelle intenzioni degli organizzatori, ha l’intento di mostrare fierezza per la nostra lingua. Inoltre, la serata di venerdì sarà in collaborazione con la Pro Grigioni Italiano, in occasione del suo centenario.

L’ambiente verrà tutelato con un attento smaltimento dei rifiuti, sensibilizzando i partecipanti alla raccolta differenziata. Inoltre, con la collaborazione di un professionista responsabile dei controlli di qualità sulla protezione dell’ambiente, verrà valutato l’impatto del festival in termini ecologici. Tutto questo non farà però perdere di vista l’obbiettivo principale del gruppo, creare un evento per i giovani, dando la possibilità ai gruppi musicali di esibirsi.

Al momento, è stimata un’affluenza di circa 400 persone, che per andare e tornare a casa nelle ore serali potranno usufruire dei servizi bus navetta o dei biglietti del treno a prezzo ridotto oppure, naturalmente, potranno scegliere di passare la notte in tenda.
Un evento pieno di spontaneità e allegria, che richiede però organizzazione e precisione.

Il Bernina augura, anche per quest’anno, un in bocca al lupo agli organizzatori!


Matilde Bontognali