Frana del Piz Cengalo: rapporto intermedio relativo all’impiego delle donazioni

0
114
© 2017 Kanton Graubünden

La frana e le colate detritiche dell’agosto 2017 hanno causato danni considerevoli agli edifici, al paesaggio e alle infrastrutture di Bondo. La colletta avviata dagli enti assistenziali e dal Comune ha prodotto un’onda di solidarietà tra la popolazione. Sono pervenuti oltre 14 milioni di franchi di contributi di sostegno. Di questi, sono stati assegnati finora 2,1 milioni di franchi.

Tutta la Svizzera ha mostrato grande solidarietà nei confronti delle vittime di Bondo. Complessivamente sono stati donati oltre 14 milioni di franchi. Le donazioni sono state raccolte da:

  • Catena della solidarietà: 5,9 milioni di franchi,
  • Conto donazioni del Comune: 4,8 milioni di franchi,
  • Patronato svizzero per comuni di montagna: 2,4 milioni di franchi,
  • Caritas Svizzera: 1,3 milioni di franchi.

Queste donazioni vengono impiegate in via sussidiaria, vale a dire che dapprima vengono erogate sovvenzioni dell’ente pubblico nonché pagate prestazioni da parte di assicurazioni, del Fondo svizzero di soccorso per danni causati dalla natura, della Cassa cantonale per i danni della natura dei Grigioni o di altri finanziatori. L’Assicurazione fabbricati dei Grigioni finora ha contribuito ad esempio con circa 13 milioni di franchi alla copertura dei danni a immobili. Le donazioni saranno distribuite soltanto in una seconda fase.

La commissione per le donazioni garantisce una distribuzione equa
Per la distribuzione delle donazioni è stata istituita una commissione ad hoc composta da rappresentanti degli enti assistenziali, del Comune, dell’Assicurazione fabbricati e del Cantone. Questa commissione valuta le domande di sostegno degli interessati, garantisce una distribuzione equa delle donazioni e documenta l’impiego dei fondi.

Gli accertamenti effettuati dalla commissione per le donazioni e l’esame delle domande richiedono molto tempo. Le donazioni vengono impiegate in primo luogo per garantire il sostentamento o in caso di oneri straordinariamente elevati. In parte le donazioni sono a destinazione vincolata. In questi casi i contributi saranno impiegati in modo corrispondente. Tuttavia, le donazioni non potranno essere versate prima che saranno state stabilite integralmente le prestazioni assicurative. Finora sono state versate donazioni per complessivi 2,1 milioni di franchi.

Donazioni a privati e all’artigianato
Nelle prime settimane dopo la frana è stato possibile fornire un aiuto immediato in modo rapido e semplice per un importo di 164 000 franchi. In una seconda fase sono state esaminate dozzine di domande e sono stati erogati complessivamente circa 380 000 franchi. Finora hanno quindi potuto essere versati contributi pari a 544 000 franchi a favore di privati, aziende artigianali e associazioni. Questi fondi della catena della solidarietà sono stati autorizzati nel quadro dell’aiuto immediato, di aiuti transitori e di contributi per costi residui.

Donazioni al Comune
Finora il Comune di Bregaglia ha investito circa 15 milioni di franchi per misure immediate e per il ripristino delle proprie infrastrutture. Le sovvenzioni di Confederazione e Cantone ammontano a 9,9 milioni di franchi. L’assicurazione privata del Comune e l’Assicurazione fabbricati dei Grigioni hanno versato 2,9 milioni di franchi. Le donazioni possono essere impiegate anche per coprire i costi residui a carico del Comune. I contributi finora concessi pari a 1 539 500 franchi sono composti da 650 000 franchi del Patronato svizzero per comuni di montagna, 387 000 franchi della catena della solidarietà, 50 000 franchi di Caritas Svizzera nonché 452 500 franchi dal conto donazioni del Comune.

Costi residui elevati per il Comune
Tuttora i costi effettivi causati dall’evento naturale e dalle sue conseguenze non sono noti in via definitiva, poiché dipendono dall’andamento della ricostruzione a Bondo. Nel periodo 2019-2023 il Comune sarà confrontato a costi stimati in circa 30 milioni di franchi per la ricostruzione delle infrastrutture, per le misure di protezione, nonché per nuovi ponti, strade e sentieri escursionistici. I costi saranno sovvenzionati da Confederazione e Cantone. Le donazioni saranno impiegate in via complementare per attenuare il carico dovuto ai costi residui.

A nome del Comune di Bregaglia, della popolazione colpita e del Cantone dei Grigioni, la commissione per le donazioni ringrazia per la grande solidarietà che la popolazione svizzera, gli enti assistenziali e le istituzioni statali hanno manifestato e manifesteranno in futuro.


Ufficio per i comuni